Adottiamo il giardino

 

 

Nella giornata di oggi, 17 maggio 2021, alcune famiglie dei bambini della classe 1C, famiglie africane, arabe, peruviane, egiziane, italiane, hanno iniziato a “prendersi cura” di una porzione del giardino pubblico di fronte all’entrata principale della scuola in Via Masserano.

Seguiranno altre iniziative che speriamo di poter continuare anche il prossimo anno scolastico.
La situazione del giardino pubblico è attualmente critica a causa del degrado notturno e della mancanza di pulizia oltre a problemi con i fruitori del giardino come “area cani”.
Il paradosso però è che quel giardino, ad oggi, è l’unico spazio all’aperto che la scuola può utilizzare a causa della inagibilità – temporanea speriamo – del cortile interno.
L’unico spazio, insieme alla strada, che i bambini della Scuola De Amicis utilizzano ad oggi come “area ricreativa esterna”.
La nostra proposta che intendiamo rivolgere alla Scuola è quella di “adottare” l’area pubblica di Via Masserano come una spazio intra-extra-scolastico, coinvolgendo gli studenti e le famiglie ad utilizzarlo con cura, migliorandolo, piantando dei fiori, curando le aiuole, e supportare successivamente la scuola ad attivarsi con il Comune di torino per recuperare e rigenerare la pavimentazione dei giochi parzialmente inutilizzabile .
“Adottando” il giardino, si potrebbe arrivare a pensare ad una chiusura notturna del giardino, ad esempio e ad un utilizzo sempre più “intra-extra-scolastico” in funzione alle famiglie della scuola, agli studenti e ai residenti durante il giorno.
In poco tempo l’area gioco (cani) di Via Masserano diventerebbe il Giardino di Via Masserano, uno spazio che la scuola può “restituire” alla comunità.
Attendiamo fiduciosi il Vostro parere.
Abbiamo molte altre proposte da farVi a partire dal quartiere e dalla mobilità cittadina e come la scuola possa diventare un volano per la promozione di una “mobilità di vicinanza”. Questo potrebbe già iniziare semplicemente con la richiesta da parte della Scuola al Comune di Torino – Ufficio Mobilità – di una serie di “rastrelliere per le biciclette” di fronte all’entrata di Via Masserano.
Ecco che il Giardino di Via Masserano, le biciclette, la Piazza della Scuola, il Toret per bere,e poi… il Vicolo Grosso e il Cortile Pubblico della Scuola quando riaprirà, tutti insieme contribuiscono alla creazione di uno spazio pubblico positivo e inclusivo per il quartiere, gli studenti, le famiglie e gli insegnanti.
giardini via Biella angolo via Masserano

Il nuovo blog di quartiere

🎉 VICINI!!!!!! APPRODO A VALDOCCO è nato! 🎉
Squillo di trombe: sapete che da oggi il blog di quartiere è online?
Lo spazio virtuale è aperto alle vostre idee e alla comunicazione di tutte le iniziative che organizzate in quartiere.
Basta scrivere a redazione@approdoavaldocco.org
In più ci sono due modi per poter interagire da subito:
📸 IL CONTEST FOTOGRAFICO
con i consigli di

Alberto Morici
📕 IL LIBRO GAME
da un’idea di alcuni temerari della 3N della scuola Verga

In piazza contro le scuole chiuse

2 e 3 MEDIE IN PRESENZA DA SUBITO!!!

Da ieri 29 novembre il Piemonte è in zona ARANCIONE: è iniziato l’indispensabile shopping natalizio, si discute sull’apertura degli impianti sciistici ma le scuole medie da noi restano chiuse. Così ha deciso il presidente della regione Cirio che, invece di provvedere a migliorare lo screening dei tamponi, si arrovella nel trovare motivazioni fantasiose per giustificare il suo provvedimento. Secondo il suo fine ragionamento il problema è l’ affollamento dei mezzi pubblici, peccato che le scuole secondarie di primo grado siano raggiungibili a piedi dai più. E poi, ancora, che non varrebbe la pena rientrare a scuola per 10 giorni, arrotondamento esagerato visto che sarebbero 23 quelli che ci separano dalle vacanze di Natale.

Ipocrisia, la stessa che il presidente Cirio ha dimostrato pochi giorni fa quando ha incontrato Lisa ed Anita, le studentesse in protesta, promettendo provvedimenti ora elusi.

Andare a scuola significa non solo apprendere meglio e di più, ma salvaguardare le relazioni sociali tra pari ed al di fuori del nucleo famigliare. I ragazzi vengono costretti ad un isolamento che il Ministero della Salute stesso reputa dannoso (comunicato n°192 del 16/06/20): “…E’ emerso che la situazione di isolamento ha determinato una condizione di stress con ripercussioni non solo sulla salute fisica ma anche su quella emozionale-fisica, sia dei genitori che dei figli”

Si stanno costringendo dei minorenni, spesso con genitori lavoratori, ad una solitudine alienante davanti ad uno schermo, condizione che esaspera l’attuale e desolante tendenza della società contemporanea.

I docenti, che intervallano didattica in presenza con le classi prime e digitale con le altre, devono lavorare di più per adeguare le loro lezioni, vivere l’impotenza di interfacciarsi con ragazzi sempre più disinteressati e ovviamente non essere interpellati rispetto alla decisione di tenere chiuse o aperte le scuole…..molto meglio il parere di fantomatici epidemiologi.

CHIEDIAMO CHE LE SCUOLE MEDIE VENGANO RIAPERTE IMMEDIATAMENTE

APPARE EVIDENTE che, al di là dei proclami, le priorità di STATO E REGIONE non siano sicuramente la cultura e l’istruzione ma che l’unico interesse che muove le scelte sia quello del CAPITALE

 

Emergenza Covid 19 – Spesa Sospesa

 

Ci troviamo tutti spiazzati, sospesi, avvolti nella concretizzazione di quel futuro distopico abbondantemente narrato dalla letteratura e dalla cinematografia.

E dobbiamo farci i conti subito. La natura non aspetta.

La scuola è on-line, si deve per forza aggiornare.  Con lei  il personale che non era ancora pronto, le famiglie, gli alunni, anche quelli che  non hanno adeguati strumenti per farlo.

Il lavoro diventa smart  per chi può permetterselo, per altri fortunati cassa integrazione, per altri ancora una lontana e precaria prospettiva, e poi ci sono quelli che non possono sottrarsi al loro ruolo, e che si recano al lavoro sovente senza i DPI necessari, rischiando il contagio.

Una moltitudine di difficoltà rischiano di diventare voci nel vuoto, inascoltate o affidate a servizi on-line che non funzionano o call center sempre occupati.

Lo Stato  e le sue diramazioni fanno i conti  con lo scafandro burocratico che rallenta e acceca  gli interventi necessari e con le politiche di privatizzazione della Sanità e le incompetenze che si manifestano nell’emergenza, peccato che a pagarne le conseguenze siano i cittadini.

Spero quindi che quest’ultimi si ricordino e che nel prossimo futuro siano pronti a farsi sentire quando verrano di nuovo rubati soldi pubblici, quando si brinderà ad un nuovo terremoto, si chiuderà un ospedale o vincerà un appalto un nuovo emergente ndranghetista.

Fortunatamente non tutto verte ad alimentare questo desolante  panorama, ed in effetti ciò che primariamente ci ha spinto a scrivere qualche considerazione è stata la volontà  di ringraziare tutti quelli che hanno dimostrato umanità e solidarietà partecipando alla moltitudine di iniziative nate nel nostro paese.

In particolare la rete che si è creata attorno al nostro quartiere, Valdocco, si è rivelata vera e attenta ai bisogni del territorio. Una solidarietà orizzontale. Attraverso la spesa sospesa, l’ass.Vicolo grosso in collaborazione con il Prinz Eugen (che si è reso disponibile a fungere da fulcro di raccolta e smistamento) e amici solidali, ha dato una mano alle realtà e alle famiglie che lo hanno richiesto. Da soli non avremmo potuto fare un granchè, invece i maestri e i professori delle nostre scuole, vicini, nonni, ballerine del  corso di Afro, e tanti altri hanno raccolto l’appello e attraverso concrete donazioni hanno partecipato e reso possibile quest’iniziativa che funziona da ormai 3 settimane ed ha dato sostegno ad oltre 80 nuclei. GRAZIE

Festa di quartiere

Un week end caldo, denso di iniziative a Valdocco

29-30 GIUGNO SECONDA FESTA D’ESTATE DEL QUARTIERE VALDOCCO
 
Le famiglie dello Spazio popolare Neruda, il circolo Blocale e noi, daremo vita ad una festa di quartiere.
 Chiuderemo una parte di Corso Ciriè per passare insieme e all’aperto due giorni di musica, cibo, giochi per bambini, sport, mercatini e baratto.
 
++ SABATO 29/06
 
Risistemiamo corso Ciriè, Facciamo insieme i lavori per renderla più vivibile e percorribile.
 
LABORATORIO BIMBI: GIOCHI DI RICICLO H.17:00
Cosa si può creare con oggetti che vorresti buttare? Proviamo ad immaginare! Con piccole indicazioni costruiremo giocattoli con materiale di recupero.
Materiale utile: Tappi di sughero, Cartone da pacchi, Carta, Palloncini (anche rotti), Spago, Tubi di cartone (non carta igienica), Pinzatrici, forbici, colori
 
CENA CONDIVISA H.20:00
Un’opportunità per stare insieme, ridere, scherzare e conoscersi con tavolate in strada a prendere il fresco delle sere estive. Portiamo tutte e tutti il cibo da condividere, nessuno resterà a digiuno!
 
SERATA MUSICALE H.21:00
Iosonocobalto
Musettes Swing Orchestra
 
++ DOMENICA 30/06
 
MERCATINO DELLE AUTOPRODUZIONI H.10:00
BARATTO DI LIBRI X GRANDI E piccoli.
 
GRIGLIATA H.12:00
 
TORNEO STREET SOCCER
Iscrizioni H.14:00
Inizio torneo H.15:00
 
ALLENAMENTO DI BOXE H.16:30
Neruda Boxe Torino

Cortile in festa 2019

Anche quest’anno il cortile della Scuola Primaria De Amicis ci ospiterà Sabato 8 giugno dalle 18h per la festa di fine anno scolastico e di benvenuto al caldo, che nel 2019 si è fatto aspettare.

Sarà anche una Cene dei Vicini, aperta a tutto il quartiere e agli amici che vorranno unirsi a noi. Un’occasione per stare insieme, conoscersi, scambiarsi informazioni e ritrovarsi. Ognuno porta qualcosa da mangiare e da bere, ci si offre le specialità, assaggeremo il couscous e il thè alla menta, qualche specialità filippina, dolci, panzanella e chissà cos’altro ancora…

A tenerci compagnia i giovani chitarristi della Scuola Secondaria Verga, poi un tocco di classe con le composizioni e le interpretazioni di Denisa Curtasu, una giovane pianista incontrata per caso che ci ha fatto emozionare.

Per finire l’esibizione delle nostre ragazze: “Les Dansefoli“, la compagnia di danza afro di Vicologrosso, accompagnate dai loro fedeli percussionisti.

Vi aspettiamo…

Letture senza confini con C.Greppi

Il 29 Marzo nel cortile della scuola Primaria DeAmicis si è concluso un bellissimo pomeriggio, all’interno della programmazione della Biennale della democrazia.

Dalle 17 i ragazzi della scuola Secondaria Verga e i bambini della Primaria DeAmicis ci hanno accompagnati con  letture ed elaborati in un percorso riguardante le migrazioni, i confini, la libertà, al fine di mettere in discussione i nostri limiti mentali e fisici.

La giornata è stata la conclusione di un percorso iniziato nelle classi che li ha coinvolti in diversi ambiti, letture, disegni, elaborazioni manuali.

In particolare per i ragazzi di 1N l’occasione di conoscere Carlo Greppi, autore del libro Bruciare la frontiera edito da Feltinelli, che hanno letto nei mesi precedenti  insieme all’insegnante E.Arato.

Roberto Novaresio dell’Angolo Manzoni libreria

il pubblico